colomba pace

"Non è stata una preghiera comune ma un segno di condivisione. Nessuno ha mai pensato di vivere una celebrazione eucaristica  con persone di altre religioni". Interviene così monsignor Ambrogio Spreafico, presidente della Commissione Cei per l'ecumenismo e il dialogo nel dibattito sulla presenza dei musulmani nelle parrocchie italiane all'indomani della uccisione di padre Jacques Hamel a Rouen. "Ma è molto bello che loro abbiano voluto partecipare al momento più significativo della nostra espressione di fede per condividerla. I segni quindi bisogna capirli perché possono muovere e condizionare la storia”. Continua su SIR